Sostieni il forum con una donazione! Il tuo contributo ci aiuterà a rimanere online!
Immagine

preparazione legni per liutaio

Forum di discussione generale sulla liuteria.
Rispondi
fizzgig
Neutrino
Neutrino
Messaggi: 2
Iscritto il: 15/01/2018, 14:35

preparazione legni per liutaio

Messaggio da fizzgig » 16/01/2018, 12:25

Buon giorno a tutti!
volevo lanciarmi in un'impresa per me ardua e avevo bisogno di un supporto da parte di voi esperti! [icon_e_biggrin.gif]
A casa ho dei tronchi di alcune piante a cui ero affezionata ma che taglieranno in questi giorni. Così ho deciso di ricavarne un'arpa! Sarebbero abete per la tavola armonica, ciliegio tutto il resto.

Ovviamente per la costruzione dello strumento mi appoggerei a un liutaio.
Però per tutti i passaggi prima me ne intendo poco, ovvero:

- una volta che ho il tronco lo porto in segheria a tagliare in assi, taglio di quarto (le segherie lo sanno fare immagino, vero?!), ma quanto spesse devono essere le assi? faccio uno spessore tipo 10 cm e poi ci pensa il liutaio a farle più fini in base al suo progetto di arpa, o comunque le taglio spesse di un tot e dopo stagionatura è la segheria che me le fa fini per lo strumento?

- per la stagionatura, a chi posso rivolgermi per lasciare lì i tronchi? sempre una segheria o da un falegname? perché immagino serva un ambiente particolare, e qualche prodotto tipo antitarlo...
io ho un garage in pietra tutto aperto, non so se potrebbe andare bene, ma non saprei che accortezze tenere durante questi lunghi anni
:????:


Grazie mille per l'aiuto a realizzare questo sogno e la disponibilità!!
Super gentili!!! :love_1:


Fizzgig

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7278
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da robi » 16/01/2018, 12:43

Ciao e benvenuta,

ogni liutaio ha la propria ricetta, e quindi mi rivolgerei a lui per chiedergli consiglio sul come tagliare e maneggiare i tronchi.
Poi chiaramente puoi farlo fare tu stessa. Ma prima rivolgiti al liutaio.

PS
Bell'idea l'arpa, ci piacerebbe vedere delle foto dei vari passaggi della realizzazione.

Avatar utente
pasqua86
Diyer Eroe
Diyer Eroe
Messaggi: 676
Iscritto il: 19/06/2012, 20:49
Località: Provincia di Padova

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da pasqua86 » 16/01/2018, 12:54

Ciao!
Posso provare a risponderti io, mio padre è un falegname in pensione...
Per ricavare le tavole, porta pure i tronchi in segheria, li provvederanno a piallarle correttamente e a prepararle per la stagionatura.
Premettendo che Il legno "fresco contiene anche più di 1/3 di acqua, pesa molto ed è "flessibile". la stagionatura è indispensabile farla correttamente.
Per la stagionatura esistono due vie:
- La prima è quella naturale, dove le tavole vengono accatastate una sull'altra, in un ambiente controllato artificialmente in temperatura ed umidità
(non va bene il garage di casa) e può durare mesi anche anni.

-La seconda utilizza invece dei forni e delle presse. qui nel giro di qualche settimana il legno è pronto.

Va poi ripiallato per raddrizzare eventuali onde, per cui il mio consiglio è di tenerti inizialmente abbondante con lo spessore delle tavole... piallandole partono come nulla anche vari centimetri...

Poi il consiglio finale che mi sento di darti è di parlare di persona con l'azienda a cui ti affiderai...
Buon lavoro!! :bye1:

Avatar utente
mastrococco
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1318
Iscritto il: 16/01/2012, 14:13
Località: Cesena

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da mastrococco » 17/01/2018, 12:43

Ciao, mi permetto di puntualizzare quanto scritto da Pasqua (non me ne avere, ti prego!):
- la stagionatura (o essicazione) naturale propriamente detta non avviene in ambiente controllato ma all'aria aperta anche se al riparo dalle intemperie. Tipicamente sotto delle tettoie per capirci. E si può fare tranquillamente anche a casa, in qualsiasi ambiente riparato dalle intemperie e soggetto a ricambio di aria. Le tavole vanno accatastate intervallate da tramezzi che permettano a tutte le superfici di prendere aria. L'accatastamento è importante per garantire stabilità dimensionale e corretti tempi. Il processo è influenzato inoltre dalla temperatura e dal vento, non è costante durante il corso dell'anno e l'umidità non può scendere al di sotto di quella ambientale, che non è un male per un legno utilizzato nello stesso posto della stagionatura.
Ha il vantaggio di avere minore possibilità di danni al legno, come crepe o tensioni interne, ma espone al rischio di attacchi fungini o parassiti, e dura mesi o anni.
- la stagionatura (o essicazione) artificiale è quella fatta nella maggior parte dei legnami industriali per via dei brevi tempi, si svolge all'interno di appositi forni. AL pregio dei brevi tempi è però da considerare il difetto dei possibili danni al legname per via della rapida perdita di umidità, se il processo non è ben calibrato può portare a deformazioni consistenti o produrre tensioni che creano crepe.

Si stagiona il segato, la piallatura non va effettuata su legno fresco ma solo sullo stagionato, se necessaria, immediatamente prima della lavorazione in quanto la stagionatura di per se porta delle piccole deformazioni che rendono vana la piallatura stessa.
Per gli spessori del segato è bene chiedere al liutaio a cui farai riferimento, al fine di avere il minimo indispensabile tenuto conto delle lavorazioni che andranno eseguite, ideale sarebbe avere già il progetto dello strumento.

Avatar utente
pasqua86
Diyer Eroe
Diyer Eroe
Messaggi: 676
Iscritto il: 19/06/2012, 20:49
Località: Provincia di Padova

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da pasqua86 » 17/01/2018, 17:27

Ciao Mastrococco :bye1:
Giusta correzione, ho appena ricevuto il cazziatone da mio padre quando gli fatto leggere il mio post precedente :face_green:

Per il resto, secondo me è comunque difficile e rischioso farla in casa, dato che non hai la possibilità di controllare correttamente l'umidità del legno...

Nel senso che ho visto tavole di frassino ( per l'esattezza di spessore erano sui 25 mm e lunghe 3 metri X 25cm ) stipate correttamente da anni nel fienile di casa, piegarsi e ondularsi come contorsioniste...

Capitò ahimè quando cercai del massello per costruirmi la prima cassa 1x12 stile mesa.
Penso che solo dopo aver dato il fondo e la vernice smisero di cambiare forma ogni giorno :lol1:

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7278
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da robi » 18/01/2018, 0:41

pasqua86 ha scritto:
17/01/2018, 17:27
Penso che solo dopo aver dato il fondo e la vernice smisero di cambiare forma ogni giorno :lol1:
Ecco, hai rovinato un'opera d'arte in divenire staticizzandola!
(Dov'è la faccina con la lingua di fuori?)

Avatar utente
mastrococco
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1318
Iscritto il: 16/01/2012, 14:13
Località: Cesena

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da mastrococco » 18/01/2018, 16:38

:har1: E' qui...
Certamente in casa è difficile rendersi conto dell'umidità residua del legno, si va un pò a spannocchia magari cercando dei riferimenti per essenza e spessore...
Che le tavole si deformino in lavorazione è una cosa che mi è successa qualche volta soprattutto in seguito a forti piallature, ho però notato che si trattava quasi sempre di taglio tangenziale esterno, che è parecchio noioso, o di robaccia semifresca tipo abete da brico...
Su un legno di quarto ben stagionato non credo ci saranno problemi.

fizzgig
Neutrino
Neutrino
Messaggi: 2
Iscritto il: 15/01/2018, 14:35

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da fizzgig » 22/01/2018, 17:12

wow :cool1:
grazie mille veramente di tutte le perle di saggezza!!

adesso inizio a capirci un po di piu...

il liutaio mi diceva che vuole una stagionatura minimo di 10 anni :surpr:
quindi per le foto dei passaggi ci sarà una lunga attesa hehe

e quindi di solito sono le segherie che pensano a far stagionare i legni?
perché da me non saprei come controllare che non prendano funghi, tarli :hummm_1:
grazie ancora!
ovviamente se qualcuno ha da aggiungere altri commenti son sempre bene accetti!!
:salu: ;)

Avatar utente
kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7309
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da kagliostro » 22/01/2018, 19:15

Qua (circa) dalle mie parti c'è, o almeno c'era, una ditta che essiccava per poi fare casse e pallet

se non vuoi/puoi aspettare un 10 anni, dovresti vedere se c'è qualcuno che abbia il forno e lo faccia dalle tue parti

chiedi al liutaio o a qualche falegname se sanno qualcosa

Certo non ha il fascino (e forse neanche l'esatta stessa riuscita) di una stagionatura decennale, ma io non saprei attendere

K

Avatar utente
mastrococco
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1318
Iscritto il: 16/01/2012, 14:13
Località: Cesena

Re: preparazione legni per liutaio

Messaggio da mastrococco » 23/01/2018, 15:37

fizzgig ha scritto:
22/01/2018, 17:12
e quindi di solito sono le segherie che pensano a far stagionare i legni?
Dipende da come sono organizzate le aziende...so che ci sono anche liutai che fanno tra le altre cose commercio legnami da liuteria, hanno segherie e stagionano/essicano i legnami da vendere poi pronto uso, e questa è la miglior risorsa per chi non ha tempo di aspettare...online M2wood, Solibbody e Rivolta sono probabilmente i più conosciuti, anche se l'ultimo è solo commerciante.
Per i miei piccoli lavori non ho modo di mettermi a reperire piccole quantità di legni esotici da far stagionare ecc ecc, preferisco rivolgermi a loro, per avere un legno già pronto nella quantità di cui ho bisogno (a meno di trovare ispirazione nella legnaia!).
Non conosco però nessuno che faccia solo stagionatura o essicatura.

Rispondi