Sostieni il forum con una donazione! Il tuo contributo ci aiuterà a rimanere online!
Immagine

Re:Progetto provavalvole digitale

Tutto ciò che riguarda l'elettronica digitale, dalla porta not al protocollo midi... e oltre!
Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7214
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da robi » 09/08/2012, 17:58

Qualcosa tipo il CSLW6B200M ma non della honeywell, così che costi meno....


Immagine

Avatar utente
Criugo
Diyer
Diyer
Messaggi: 211
Iscritto il: 11/09/2006, 13:11
Località: Vicenza

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da Criugo » 09/08/2012, 19:05

Penso che questo sia un'ottimo sistema. A coloro che ho inviato lo schema, se guardate bene il sensore di rilevamento in pratica è la stessa cosa. Date un'occhiata per bene a quello schema perchè penso che da li si possano trovare molti spunti e di semplificare di molte le cose.
Un salutone ragazzi.
Criugo

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7214
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da robi » 09/08/2012, 21:23

Ciao Criugo, quale schema?

Avatar utente
Criugo
Diyer
Diyer
Messaggi: 211
Iscritto il: 11/09/2006, 13:11
Località: Vicenza

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da Criugo » 10/08/2012, 10:17

Ti ho già contattato in un messaggio privato.
Ciao

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7214
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da robi » 28/01/2013, 20:57


Avatar utente
kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7213
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da kagliostro » 15/12/2013, 10:59

Mi pare che questo non sia mai stato postato

http://www.dos4ever.com/uTracer3/uTracer3.html

Ciao

K

Avatar utente
Criugo
Diyer
Diyer
Messaggi: 211
Iscritto il: 11/09/2006, 13:11
Località: Vicenza

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da Criugo » 16/12/2013, 12:53

Provate a vedere anche questo circuito.
http://www.ebay.it/itm/260906425038?ssP ... 1423.l2649
E' di un tizio francese che costruisce vari moduli per un provavalvole.

Avatar utente
Criugo
Diyer
Diyer
Messaggi: 211
Iscritto il: 11/09/2006, 13:11
Località: Vicenza

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da Criugo » 16/12/2013, 12:57

Provate a vedere anche questo modulo.
http://www.ebay.it/itm/MODULE-LAMPEMETR ... 3cc066bffd

Avatar utente
ian86
Diyer
Diyer
Messaggi: 191
Iscritto il: 16/07/2006, 18:48

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da ian86 » 15/03/2014, 19:49

Criugo ha scritto:Provate a vedere anche questo circuito.
http://www.ebay.it/itm/260906425038?ssP ... 1423.l2649
E' di un tizio francese che costruisce vari moduli per un provavalvole.
Salve ragazzi, ho costruito da poco questo provavalvole digitale.
Ho però un grosso problema, con i pentodi e i tetrodi come el84 e 6l6 va in oscillazione e le letture sono sballate. Con i doppi triodi nessun problema.
Come posso risolvere?

Avatar utente
kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7213
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da kagliostro » 15/03/2014, 20:23

Purtroppo di Stato Solido capisco in pratica zero,

potresti, comunque, adottare quegli accorgimenti contro le autooscillazioni che si usano negli ampli

e ..... fili corti

K

Avatar utente
ian86
Diyer
Diyer
Messaggi: 191
Iscritto il: 16/07/2006, 18:48

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da ian86 » 16/03/2014, 13:28

Ho provato vari valori di grid stopper ma il problema rimane.
I fili sono lunghetti ma non posso accorciarli più di così.
Va detto che i tubi vengono testati a pseudo triodo con g2 collegata all'anodo. Forse testandoli a pentodo con alimentazione separata per g2 le oscillazioni cessano.
Dovrei provare.

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7214
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da robi » 26/04/2014, 11:41

Hai provato anche ad usare fili schermati per i collegamenti più lunghi? Verificata la tensione retta dal cavo (o per meglio dire dal suo isolante), puoi sostituirli a quelli esistenti e riferire la calza a massa. Anche in questo caso cerca di ridurre gli effetti capacitivi, e verifica con una valvola di riferimento che le letture siano uguali prima e dopo la sostituzione dei cavi.

La calza va messa a terra da una parte sola, e dall'altra termorestringente per evitare contatti indesiderati.

Avatar utente
ian86
Diyer
Diyer
Messaggi: 191
Iscritto il: 16/07/2006, 18:48

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da ian86 » 04/05/2014, 9:09

Ciao Robi, ho risolto alimentando separatamente G2 e testando la valvola a pentodo.

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7214
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da robi » 05/05/2014, 1:24

Ottimo! Grazie dell'aggiornamento!

Avatar utente
luix
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3079
Iscritto il: 06/05/2006, 14:26
Località: Sulmona forever

Re: Re:Progetto provavalvole digitale

Messaggio da luix » 01/04/2015, 12:07

ragazzi, dopo svariati secoli sono riuscito a finire il percorso di studi... ora ho un po di tempo da dedicare a progetti più impegnativi come questo...

come primo punto, smentisco quello che dicevo sulla regolazione di tensione negli alimentatori switching, non è variando la frequenza che si varia la tensione ma variando il PWM.

le valvole audio arrivano a dissipare massimo 100W (KT90) quindi per l'anodica direi di tenerci su quella potenza.

partendo dalla 220V rettificata cioè circa 300V, per ottenere i 600-700V di anodica massima si può usare un converitore push-pull, utilizzando dei MOSFET del tipo IRF840 che reggono 500V, 8A ed hanno una resistenza interna di 0.8ohm, il che permette di avere poche perdite.
supponendo spannometricamente che in uscita dal trasformatore avremo una corrente continua massima di 150mA a 700V, in ingresso (cioè sui MOSFET) avremo quella corrente moltiplicata per il rapporto spire che è poco più di 2, dunque i MOSFET dovrebbero reggere 300mA e ci siamo ben dentro.

regolando il PWM abbassiamo la tensione, non so quanto si possa arrivare vicini a 0V, il convertitore con basse correnti inizia a funzionare in modo discontinuo e genera dei picchi pericolosi...
si può pensare di utilizzare due convertitori, uno per le tensioni da circa 0V a 200V ed uno per il range da 200V a 700V.
il range che deve essere più dettagliato è quello tra 0 e circa 150V in quanto nei pentodi li si trova "l'avvallamento" delle rette dovuto alla griglia schermo... dunque il convertitore in quella zona dovrà essere più preciso possibile.

per quanto riguarda gli integrati da usare, io userei un SG3524 per la parte di potenza, un uC per verificare la tensione anodica e regolare, tramite un optoaccoppiatore, il segnale di feedback dell'SG3524 e la parte misuristica.

per quanto riguarda l'interfaccia grafica con il PC, ho visto il JPanel che diceva hades, devo mettermi sotto a studiare Java, ora come ora ne ho una conoscenza approssimativa.

io pensavo di farlo lavorare in questo modo, si fissa la tensione di griglia negativa e poi si eseguono degli step di tensione anodica che sono 2V per la zona 0-150V e 10V per la zona sopra a 200V, per ogni tensione anodica si aspetta qualche ms per stabilizzare e poi si fanno 10 misure di corrente con cui fare una media.

ogni tensione di griglia negativa avrà un array di valori di corrente, relativi ai valori di tensione anodica, che viene inviato al PC e visualizzato sul grafico.
i valori di tensione anodica direi di standardizzarli, in questo modo trasmettiamo al PC solo i valori di corrente.

Rispondi