Sostieni il forum con una donazione! Il tuo contributo ci aiuterà a rimanere online!
Immagine

Problema secondari trasformatore

Problemi con un ampli? Esponili qui!
thecrow
Diyer
Diyer
Messaggi: 104
Iscritto il: 17/11/2016, 10:57
Località: vibo valentia

Re: Problema secondari trasformatore

Messaggio da thecrow » 14/02/2018, 16:04

serve .. serve.. :ang: ci metto le valvole non matchate... . :ang: cmq la vedi un poco pessimistica.. 2 condensatori e un trimmer sono, perchè si deve guastare?.. poi se svampa .. lo rifo exnovo tanto :ang: :ang:

Avatar utente
nike_spike
Diyer Aiutante
Diyer Aiutante
Messaggi: 56
Iscritto il: 17/08/2008, 16:22
Località: Sondrio

Re: Problema secondari trasformatore

Messaggio da nike_spike » 14/02/2018, 17:06

Ciao, non è una visione pessimistica ma reale.
Hai mai provato ad acquistare 2 valvole qualunque e 2 valvole matchate e poi misurarne le caratteristiche?
Una volta gli standard qualitativi non esistevano quindi esisteva realmente la necessità di "selezionare" le valvole a coppie o quaterne per gli amplificatori per evitare scompensi "elettrici" nei circuiti, soprattutto nei circuiti "push-pull", se le valvole erano più di 2 poi erano dolori.
Adesso gli standard produttivi hanno livellato questi scompensi e in realtà non ci sono più grandi differenze tra valvole "selezionate" e valvole no.
Anche questo è un mito da sfatare. ... :hummm_1: o vuoi dire che sono sempre stato fortunato? [icon_e_biggrin.gif].
Quasi quasi mi conviene ricalibrare il mio "provavavalvole" [icon_e_biggrin.gif]

Posto 2 link interssanti, uno di un collega radioamatore dove vengono spiegate bene le interazoni tra le tensioni e come individuare guasti ed uno dove vengono fornite indicazioni per la costruzione di un provavalvole, molto utile per chi intenda dedicarsi alla costruzione e sperimentazione con quest'ultime.

http://www.aireroma-lazio.it/wp-content ... alvole.pdf

http://www.gizmoblog.eu/costruzione-di- ... r-valvole/

Se vuoi farti l'analizzatore guarda qui.

https://www.ebay.it/itm/DIGITAL-VACUUM- ... 0959607868

http://www.diyaudio.com/forums/equipmen ... hread.html

:bye1:

Avatar utente
kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7343
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Problema secondari trasformatore

Messaggio da kagliostro » 14/02/2018, 17:12

Quello che dice nike_spike è verissimo, però è anche vero che Leo e gli altri si facevano una concorrenza spietata il che si trasferiva in pratica nell'usare sempre al limite la componentistica ed anche nel cercare e/o usare una variante di un circuito piuttosto che un'altra anche al solo scopo di eliminare il costo di un solo componente, condensatore resistore o altro che fosse

non è poi che certe circuitazioni fossero sconosciute in passato, la stessa Fender ha degli amplificatori con circuito bias che bilancia le valvole finali ed anche altri marchi lo facevano, in HiFi vedi Williamson

Personalmente acquisto valvole NOS in giro per i mercatini e, si sa, mica è facile che siano accoppiate, anzi

pertanto, se lo spazio c'è, ben venga la regolazione per ogni finale, o almeno per me è così

---

Sul fatto che anche se non accoppiate suonino ugualmente in modo accettabile o anche più che accettabile, può essere, ma del fatto che tutto non stia andando come dovrebbe ha avuto la prova un amico di un forum americano pochi giorni fa, un amico gli ha chiesto di modificare un amp con el84 finali per avere l'opzione Pentodo/Triodo, operazione che il mio amico ha già fatto, con successo, su diversi amp, ma che in questo caso dava come aggiunta, in modalità triodo, un fastidioso humm

dopo varie prove effettuate il problema è risultato essere il fatto che le finali non erano adeguatamente accoppiate e se anche la cosa non sembrava avere effetto in funzionamento normale (pentodo), facendo funzionare il finale a triodo si evidenziava il problema

K

thecrow
Diyer
Diyer
Messaggi: 104
Iscritto il: 17/11/2016, 10:57
Località: vibo valentia

Re: Problema secondari trasformatore

Messaggio da thecrow » 14/02/2018, 17:23

io sinceramente ho a che fare con le valvole solo da qualche tempo.. quindi non ho abbastanza esperienza.. le ho sempre prese matchate.. poi ho letto in giro di questo mod per sdoppiare l'alimentazione del bias.. la mia domanda è.. se non c'è nessuna differenza.. che le selezionano a fare? :face_green:

Avatar utente
nike_spike
Diyer Aiutante
Diyer Aiutante
Messaggi: 56
Iscritto il: 17/08/2008, 16:22
Località: Sondrio

Re: Problema secondari trasformatore

Messaggio da nike_spike » 14/02/2018, 17:49

Giustamente K, come dici tu in funzionamento "normale" farle funzionare in modalità triodo non è così normale in BF .. lo è molto di più in alta frequenza. [icon_e_biggrin.gif]

Nel funzionamento a triodo le griglie aggiuntive tipiche del pentodo non consentono all'anodo di funzionare in modo "regolare" intuibile che se un tubo (intendo nuovo) ha una falla nella costruzione oppure è caduta e una griglia si è mossa, ti tiri dietro un sacco di rumore visto che non puoi far lavorare la valvola nel tratto lineare della sua curva caratteristica.

Se invece la valvola viene venduta per NOS devi solo sperare che lo sia veramente e non sia una difettosa sostituita e reinscatolata , come facevo io negli anni 70/80 perchè mi ripromettevo di controllarle. :ang:

Ne ho ancora uno scatolone tra nuove, ed usate.... non le ho mai impiegate nelle mie costruzioni.

"thecrow" è tutto business . . adesso vanno di moda gli orange drops come sostituzione dei vecchi condensatori ... fai una ricerca in internet e scegli immagini dei vecchi amplificatori a valvole (anche gli altri apparati) si usavano ceramici e quelli marchiati "Facon" o qualcosa del genere non ricordo, che venivano messi in un tubicino di vetro ed affogati con ???? catrame? , quando si surriscaldavano lasciavano un odore caratteristico e la colata nera.
Un condensatore da 0.1 uF è nulla di più di un condensatore da 0.1 uF e se lo monti in un circuito (previa verifica della corrispondenza capacità propria con quella stampigliata sopra, entro la tolleranza), sfido chiunque a dimostrarmi strumentalmente che non abbia lo stesso comportamento.
Come detto più volte non ritengo (nessuno in realtà) affidabili le orecchie come strumento di valutazione essendo un "sensore" facilmente ingannabile come gli occhi dal cervello. Se googli orecchie e comportamento fisiologico, deperimento in funzione del tempo, potresti avere sorprese inaspettate.
p.s. negli anni 80 si sfruttava il "condizionamento" per vendere nel settore HiFi una cassa piuttosto di un altra ... lo fanno ancora con i cavi delle casse ma ricorda sempre che solo gli strumenti posso dare indicazioni affidabili.

Rispondi