Fender proamp

Discussioni di carattere generale sugli amplificatori valvolari...
Avatar utente
sobas66
Diyer Aiutante
Diyer Aiutante
Messaggi: 86
Iscritto il: 03/06/2014, 22:18
Località: Provincia di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda sobas66 » 19/06/2017, 22:34

Scusate.... ma non so se mi avete capito.....sono un po' casinista :ops:
Nel senso che mi piace spulciare a destra e a manca per poi farmi una confusione che non riesco più a venirne fuori :muro:

L'idea è di fare un amply senz'altro vintage e quindi il più vicino ai suoni del tempo passato....

Avevo trovato questo schema che mi portava ad aver valvole tutte octal, ho visto che caratterialmente le 6SC7 sono molto simili alle 6SL7 (molto più reperibili) e quindi mi allettava l'idea di fare un amply con queste valvole.
Purtroppo non esiste schema fender che riporta le 6SL7, quindi pensavo di utilizzare quello postato in precedenza.....

Ciao
Immagine

Leonardo diceva: "L'esperienza è il nome che si dà ai propri sbagli."

Avatar utente
kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6778
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda kagliostro » 19/06/2017, 23:23


Avatar utente
sobas66
Diyer Aiutante
Diyer Aiutante
Messaggi: 86
Iscritto il: 03/06/2014, 22:18
Località: Provincia di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda sobas66 » 20/06/2017, 8:26

.....tanto per aggiungere paglia al fuoco..... :face_green:
Grazie! Studierò il tutto! :numb1:

Ciao
Immagine

Leonardo diceva: "L'esperienza è il nome che si dà ai propri sbagli."

Avatar utente
sobas66
Diyer Aiutante
Diyer Aiutante
Messaggi: 86
Iscritto il: 03/06/2014, 22:18
Località: Provincia di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda sobas66 » 22/06/2017, 21:14

Nel frattempo che studio lo schema mi dedico alla cassa :face_green:

PICT6339.JPG


Diciamo che è un riciclo...... :hummm_1:

Ciao
Immagine

Leonardo diceva: "L'esperienza è il nome che si dà ai propri sbagli."

Avatar utente
kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6778
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda kagliostro » 22/06/2017, 23:46

Sei piuttosto attivo vedo :numb1:

Franco

Avatar utente
sobas66
Diyer Aiutante
Diyer Aiutante
Messaggi: 86
Iscritto il: 03/06/2014, 22:18
Località: Provincia di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda sobas66 » 23/06/2017, 10:56

...Come si dice a testa bassa!!!! :lol1:

Nel frattempo ho deciso lo schema!

5c5_schem.jpg


Ho trovato il giusto compromesso...tutte valvole octal...facilmente reperibili [icon_e_biggrin.gif]

Nessuna regolazione di bias e altro......volume e tono e basta....

e un layout già fatto!

5c5_layout.jpg


Ciao
Immagine

Leonardo diceva: "L'esperienza è il nome che si dà ai propri sbagli."

Avatar utente
kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6778
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda kagliostro » 23/06/2017, 17:28

OK, buona scelta, solo io rinuncerei ad una delle due valvole di input

ti servono 4 ingressi ?

--

Ah, a proposito, la WU4GB disegnata come una raddrizzatrice a vuoto è, in realtà, un raddrizzatore a diodi

Franco

Avatar utente
sobas66
Diyer Aiutante
Diyer Aiutante
Messaggi: 86
Iscritto il: 03/06/2014, 22:18
Località: Provincia di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda sobas66 » ieri, 13:31

:hummm_1: :hummm_1: :hummm_1:

Effettivamente avresti ragione.....2 ingressi sarebbero sufficienti....
e per quanto riguarda la valvola raddrizzatrice pensavo di utilizzare lo zoccolo e poi decidere se inserire una valvola raddrizzatrice oppure uno zoccolo con i diodi all'interno......

Anche se avrei un problemino.......il trasformatore di alimentazione eroga 240 volt di anodica e non 240 + 240.....

Però potrei utilizzare questo escamotage :dance_1:

Figura 2-10.gif
Figura 2-10.gif (4.18 KiB) Visto 16 volte


Che come si legge su le radio di sophie....

Per aggirare l'ostacolo, si può pensare di rimpiazzare i due diodi più "critici" (D1 e D4) con due dispositivi a stato solido, e di utilizzare un'unica raddrizzatrice a vuoto (anche con catodo in comune) per la rimanente coppia di diodi. In figura 2.10 è presentato un alimentatore ibrido costruito secondo il principio appena menzionato. Questo tipo di schema è divenuto molto popolare nel settore dell'alta fedeltà poiché l'unica valvola impiegata è rivolta a valle (tipicamente verso un amplificatore) e le caratteristiche sonore del circuito sono quindi determinate dalla valvola stessa e non dai diodi al silicio che la precedono.


mi sa che 240 volt sono pochi....ne servirebbero almeno 350.... :hummm_1:

Ciao
Immagine

Leonardo diceva: "L'esperienza è il nome che si dà ai propri sbagli."

Avatar utente
Vicus
Braccio destro di Roger Mayer
Braccio destro di Roger Mayer
Messaggi: 1807
Iscritto il: 15/07/2007, 18:43
Località: Rossano Veneto VI

Re: Fender proamp

Messaggioda Vicus » ieri, 15:32

Io l'ho usato per aggiungere la rettifica a vuoto in un atomic 16 e ovviamente funziona.

Avatar utente
kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6778
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Fender proamp

Messaggioda kagliostro » ieri, 16:46

il sistema misto funziona bene, qui un po' di info

http://www.valvewizard.co.uk/bridge.html

--

Se raddrizzi a diodi, partendo da 240v AC arrivi a circa 335v DC, se invece usi una valvola o un sistema misto la DC sarà più bassa, il che ti porterebbe ad allontanarti dalle specifiche previste dal progetto, comunque la cosa probabilmente la potresti anche fare se usi un TU con impedenza adatta alla diversa tensione (nel progetto Weber usa un TU da 4K al primario ed un TA con 340v AC)

Con placca a 335v DC (e G2 sui 240v) io direi .... 6K, ma se c'è qualcuno che se la cava con i calcoli delle rette di carico, sarebbe meglio sentire il suo parere


Franco


Torna a “TubeAmp (Generale)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti